È proprio vero lo scopo di noi viaggiatori, non è tanto la meta, bensì trovare qualcosa che sia in grado di stupirci. Sì perché dopo tanti viaggi, dopo tante situazioni che ci sfiorano l’anima… non è facile rimanere ancora una volta senza parole.

Finalmente ce l’ho fatta! Questa meta l’ho sognata, l’ho progettata solo per  visitare la Moschea Sheikh Zayed, un capolavoro giovane, imponente, in grado di lasciarti a bocca aperta.

Quel bianco abbagliante e le enormi cupole mi hanno ricordato il castello di Aladdin, ma questa Moschea ha una storia decisamente diversa. Voluta dallo Sceicco Zayed, all’epoca presidente degli Emirati Arabi Uniti, per celebrare la pace tra le culture del mondo, sì avete capito proprio bene è simbolo di uguaglianza e fratellanza tra i popoli.  Infatti, a testimonianza di questo, è frutto di una collaborazione di ingegneri, artigiani e operai proveniente da ogni parte del mondo.

È la Moschea più grande del paese, la terza più grande del mondo, e può ospitare fino a 41.000 fedeli durante il Ramadan e cerimonie private. 

Una delle cose che ha catturato da subito la mia attenzione, è stato il pavimento in marmo, così lucido che riuscivo a vedere la mia immagine riflessa. Ma la verità è che si resta plagiati dall’oro, dalle gemme semi-preziose e i cristalli Swarovski che decorano l’intero edificio.

Il momento migliore per visitare la Moschea Sheikh Zayed

Da cacciatrice incallita di tramonti, ovviamente l’ora blu ha il suo fascino, quando il sole lascia spazio alle prime luci blu e dorate che illuminano la Moschea. È inutile dirvi che dovrete sgomitare con gli altri visitatori per accaparrarvi il punto di osservazione migliore.
Proprio per questo motivo, questa volta andrò controcorrente. Secondo me il momento migliore è al mattino presto, quando potrete camminare indisturbati tra i giardini e le colonne intarsiate a motivo floreale in madreperla.

visitare la moschea Sheikh Zayed

Aspettando il tramonto

Blue Hour all'interno della Moschea Sheikh Zayed ad Abu Dhabi

Blue Hour

La moschea Zayed ad Abu Dhabi in mattinata

La moschea al mattino presto

Come raggiungere la Moschea
Se soggiornate ad Abu Dhabi, la maniera più facile per raggiungere la Moschea è in taxi ( 13 Dirham a tratta ). Se vi trovate a Dubai avrete due opzioni:

  • Comprare un’escursione di mezza giornata ( 60€ circa a persona ). Troverete due partenze, una al mattino e un’altra al pomeriggio presto.
  • Dalla stazione di Dubai ” Ibn Battuta Metro Station 4″  partono autobus diretti a ” Abu Dhabi Central Bus Station”. Le corse sono molto frequenti e costano 5 Dirham a tratta. Per utilizzare i trasporti a Dubai, è obbligatorio comprare la Nol Card ( costa 25 Dirham / 19 dei quali utilizzabili come saldo disponibile ), una tessera ricaricabile che vi permetterà di muovervi liberamente in bus, metro e tram.

Cosa indossare?
Per fortuna questa è una delle poche moschee visitabili anche da chi non pratica l’Islam, per questo motivo è facile comprendere perché loro siano molto severi su quest’aspetto.

  • Le donne, dovranno coprire i capelli, i polsi, le caviglie e indossare pantaloni lunghi. All’ingresso dovrete obbligatoriamente passare per una stanza dove vi controlleranno eventuali trasparenze e/o capi troppo aderenti. Nel caso in cui il vostro abbigliamento non sarà idoneo, vi daranno un abito lungo ” abaya” da riconsegnare all’uscita.
  • Gli uomini, hanno l’obbligo di coprire le braccia e indossare pantaloni lunghi.
Le piscine della Moschea Sheikh Zayed

L’ingresso della Moschea contornato da piscine

In moschea si entra scalzi, e all’esterno delle entrate principali troverete degli appositi scaffali dove lasciare le vostre scarpe. Per non impazzire con “l’infila e sfila” vi consiglio dei pratici infradito.

3 cose da non perdere

Naso all’insù per ammirare il lampadario, il terzo più grande al mondo con un diametro di 10metri e 15 di altezza ricoperto d’oro e milioni di Swarovski.

Il lampadario più grande del mondo nella Moschea di Abu Dhabi

Il lampadario tempestato di Swarowski

Abbassando il vostro sguardo, noterete il tappeto artigianale più grande realizzato fino ad oggi, interamente annodato a mano, realizzato in due anni di lavoro da 1.200-1.300 artigiani, con un peso complessivo di 35 tonnellate. Per il suo trasporto sono stati utilizzati 3 aerei.

Tappeto artigianale più grande del mondo nella Moschea Zayed

Tappeto artigianale più grande del mondo

Infine, il muro del miḥrāb, la nicchia indicante la direzione della Mecca e verso la quale si dispongono i fedeli durante la preghiera, inscritto con 99 nomi diversi per Allah.

Il muro qibla con le 99 qualità di Allah ad Abu Dhabi

Il muro in direzione della Mecca

Informazioni utili e curiosità

  • L’entrata alla Moschea è gratuita, e offre anche tour guidati gratuiti che durano 45min. ( Dal sabato al giovedì gli orari disponibili sono 10.00/11.00/14.00/17.00/19.00 – Il venerdì invece sono 17.00/19.00 )
  • Il venerdì è il giorno di preghiera per i musulmani, per questo motivo sarà aperta al pubblico soltanto dalle 16.30 alle 22.00. Dal sabato al giovedì invece dalle 09.00 alle 22.00
  • Non è consentito bere e mangiare all’interno della Moschea.
  • L’ impianto di illuminazione notturna della moschea cambia colore in base all’andamento delle fasi lunari.
  • Se visitate la moschea di giorno, il bianco è accecante, quindi non dimenticate gli occhiali da sole!

Se hai voglia di vedere gli interni di questa moschea, ho realizzato questo breve video