Come organizzare un viaggio a Zante fai da te in tempo di covid? Ecco 9 semplici consigli e trucchi per organizzare un viaggio indipendente con i fiocchi.

Amo follemente la Grecia. Quando penso a queste isole, inevitabilmente penso a persone piene di vita, dolci, sorridenti, aperte a condividere la loro cultura e desiderosi di accogliere i visitatori nel loro paese. Ovviamente anche la bellezza naturale gioca un ruolo fondamentale, gli immensi uliveti e vigneti, le sue bellissime spiagge turchesi, le scogliere bianche a picco sul mare, le baie incontaminate… La domanda dovrebbe essere, come si fa a non amare la Grecia?

In quest’articolo vi parlerò di Zante, la più grande tra le Isole Ionie, il perfetto connubio tra natura, relax, gastronomia.

Zante Fai da te

I faraglioni di Zante, Mizithres | © Marialaura De Rosa


   1. Zante in tempo di Covid-19 | Tutto ciò che devi sapere
2. Dove alloggiare a Zante | Le zone più belle!
3. Come muoversi a Zante?
4. Attività imperdibili
5. ” Eat like a Greek” – Le migliori taverne dove mangiare!
6. Evita la folla!
7. Le spiagge sono libere o a pagamento?
8. “Fun Facts”… Assurdo ma vero!
9. Cosa infilare in valigia!


Zante in tempo di Covid-19 | Tutto ciò che devi sapere

Quanto sarebbe bello partire senza preoccuparsi di nulla? Ahimè questi tempi sono ancora lontani, per viaggiare dobbiamo costantemente mantenerci informati sulle nuove disposizioni.

IN PARTENZA:

  • Compilare online il PLF ( Passenger Locator Form ), indispensabile per l’ingresso in Grecia, indipendentemente dalla nazionalità e dal metodo di ingresso nel paese. Questo form, redatto interamente in lingua inglese, va compilato al più tardi il giorno prima del tuo ingresso nel paese, fornendo una serie di informazioni dettagliate sul tuo soggiorno ( durata del viaggio, numero del volo, numero del posto a sedere, indirizzo della struttura dove alloggerai etc… ).
  • Presentare uno dei seguenti certificati:
    PCR test negativo ( effettuato entro le 72h precedenti all’ingresso nel paese ), redatto in lingua in inglese, greco, francese, tedesco, italiano, spagnolo o russo, con nome e dettagli di passaporto o documento d’identità.
    Certificato di avvenuta vaccinazione ( completata almeno 14 giorni prima dell’ingresso in Grecia ) contenente il nome della persona come indicato sul documento di identità, il tipo di vaccino somministrato, il numero di dosi e la data di somministrazione.
    – Certificato di guarigione dal virus SARS-CoV-2, rilasciato da un’autorità pubblica o da un laboratorio certificato.
    Green Pass, ma ATTENZIONE perché potrebbe non bastare. Attualmente le autorità elleniche non hanno i mezzi per poter verificare l’avvenuta e completa somministrazione del vaccino, per questo motivo nel caso in cui al Green Pass non sia allegato un certificato vaccinale ( 2 dosi completate da almeno 14 giorni ), potrebbero negarti l’ingresso al paese.

AL RIENTRO:

  • Compilare online il PLF  ( Passenger Locator Form ), indispensabile per l’ingresso in Italia. Questo form presenta le stesse caratteristiche di quello compilato in precedenza per l’ingresso in Grecia.
  • Tampone molecolare o antigenico con esito negativo.

Dove alloggiare a Zante | Le zone più belle!

Con un paesaggio così vario e una costa così variegata, scegliere dove alloggiare a Zante può rivelarsi un vero e proprio affare di stato. Ma andiamo per gradi, sostanzialmente dipende da cosa stai cercando.

  • Laganas: Se sei alla ricerca di natura, tranquillità e relax questo posto non fa per te. Laganas è la città che non dorme mai, meta ideale per chi è alla ricerca di feste sfavillanti dove divertirsi fino al mattino.
  • Vasilikos: Il luogo ideale dove sentirsi a casa. Vasilikos è autenticità, è famiglia, è un posto dove il viaggiatore viene accolto e coccolato. La Penisola di Vasilikos si estende da Argassi fino a Gerakas Beach, parte del Parco Marino di Zante costituito con lo scopo di proteggere le aree di nidificazione della tartaruga Caretta Caretta e l’habitat della foca monaca.Sebbene nella zona di Vasilikos ci si possa sentire lontani dalla civiltà, in realtà non si è mai lontani da altri villaggi e zone balneari. Argassi, Kalamaki e Laganas sono nelle vicinanze e la città di Zante dista solo 12 km.
  • Kalamaki: A soli 3 km dall’aeroporto di Zante e a 6 km dalla capitale, Kalamaki è una lunghissima spiaggia di sabbia dorata che degrada dolcemente nella baia di Laganas, ideale per le famiglie e per i bambini.

Scegliere di soggiornare al nord non è una buona idea, sono zone semi deserte, contornate da pinete e uliveti. A parte le spettacoli scogliere a picco sul mare e qualche scorcio visitabile a piedi non troverai molto da vedere, la maggior parte delle persone arrivano qui avventurandosi in auto o in quad.

Zante è in grado di accontentare le esigenze di ogni tipo di viaggiatore, in qualsiasi zona troverai la soluzione più adatta a te, dall’hotel di lusso agli incantevoli studios gestiti da famiglie greche.

Zante fai da te cosa vedere Porto Roxa

Porto Roxa | © Marialaura De Rosa

Come muoversi a Zante?

Parola d’ordine: A-U-T-O-N-O-M-I-A. Cosa c’è di più bello di un avventuroso on the road? Noleggiare un’auto a Zante è d’obbligo e più facile di ciò che pensi. Come prima cosa non dovrai smanettare per ore su internet, cercare di qua, confrontare di là, ti basterà arrivare a Zante e prenotare la prima auto disponibile.

Ti proporranno moto, scooter e quad, ma a mio avviso il mezzo più sicuro è l’auto. Ci sono diversi tratti, soprattutto nella zona nord dell’isola, completamente sterrati, altri molto esposti senza nessun tipo di protezione o addirittura senza illuminazione. Ma poi io mi chiedo, sarà piacevole andare in giro per ore, seduto su una sella, sotto il sole rovente?

Altro aspetto positivo è che non ti verrà richiesta nessuna carta di credito a garanzia, ti basterà presentare la tua patente di guida.

Qualche consiglio per te:
– Ovviamente vige il principio ” più prenoti, meno paghi “. Non puoi pensare di avere un buon prezzo se noleggi la macchina per un giorno, più giorni prenoterai più la tariffa giornaliera diminuirà ( noleggio giornaliero con assicurazione completa 40€ – noleggio settimanale con assicurazione completa 25€ ).
– Evita i noleggi in aeroporto, non avere fretta l’isola pullula di rental cars.
– Rispetta i 50 km/h, anche nelle zone più remote dell’isola troverai posti di blocco.

Attività imperdibili

Una nuotata in compagnia di una tartaruga… sì, si può!

Anche se non è stata la mia prima volta, devo dire che c’è sempre qualcosa di magico nel nuotare con queste creature marine. Il Parco Marino di Zante è considerato uno dei siti più importanti per la nidificazione delle Tartarughe Caretta Caretta in tutto il Mediterraneo, in quanto ospita più di 2000 nidi all’anno. Considerando che ogni tartaruga depone in media 120 uova, tre o quattro volte durante l’estate, questo parco è un vero e proprio paradiso naturale da salvaguardare per il bene di tutto il pianeta e della Grecia.

Il periodo di nidificazione va da giugno ad agosto, e il periodo in incubazione dura dai 40 ai 70 giorni. Il Parco Marino abbraccia il tratto di mare che va da Capo Marathia fino a Limni Keri ( comprende le spiagge di Gerakas, Dafni, Kalamaki e Laganas ), includendo l’isola di Marathonisi, l’isola di Pelouzo e le isole Strofadi.

Imbattersi in un cucciolone di tartaruga ( eh sì, qui parliamo di esemplari adulti che raggiungono un metro di lunghezza ) è più facile di quanto pensi. Maschera e boccaglio, un pizzichino di pazienza… e si va!

Le regole nel Parco Marino:
– vietato l’ingresso in spiaggia dopo il tramonto e prima dell’alba.
– vietata la pesca subacquea.
– vietato toccare le gabbie che proteggono i nidi.
– vietato camminare oltre i 5 metri dal bagnasciuga.

Attività da fare a Zante, nuotare con le tartarughe caretta caretta

Parco Marino di Zante, Spiaggia di Gerakas | © Marialaura De Rosa

Un giro dell’isola in barca a vela!

” La prima volta non si scorda mai”, ed è proprio vero! Desideravo vedere Zante da un punto di vista diverso, ma sognavo anche un modo alternativo per farlo, è così che sono capitata sul profilo di Alexandros, uno skipper con un bagaglio di traversate oceaniche, originario di Creta, ma da vent’anni regala emozioni a largo di Zante.

Circumnavigare l’isola è stata pura magia, quel silenzio, quel senso di libertà che solo il mare può farti provare, crogiolarsi al sole in qualche baia cristallina, il tramonto tra i faraglioni di Mizithres, l’alba cullati dal mare e il canto incessante dei gabbiani.

Ma di quest’esperienza, te ne parlerò più avanti!

Zante fai da te le attività imperdibili da fare andare in barca a vela

Spiaggia di Kampi | © Marialaura De Rosa

” Eat like a Greek” – Le migliori taverne dove mangiare!

Che sia la tua prima volta in Grecia o meno, non puoi rinunciare alla tradizionale cucina greca. La verità è che non puoi farne a meno di sederti in una classica taverna, di assaggiare le antiche ricette di famiglia, lasciandoti trasportare dai mille odori che invadono le strade.

Un pita bread intinto nell’olio d’oliva o nella salsa tzatziki, al sol pensiero mi viene l’acquolina in bocca!

Provare piatti tipici nei luoghi tipici, è uno dei modi più semplici per conoscere un posto nuovo, la sua storia e le sue tradizioni.

Le Taverne dove ho lasciato un pezzetto del mio cuore:
Nikos Beach Taverna
Platanos Taverna
Porto Kaminia –  Fiore Beach Studios
Cross Tavern
Keri Lighthouse Taverna

Zante fai de te le migliori taverne dove mangiare

Nikos Beach Taverna | © Marialaura De Rosa

Evita la folla!

Anche il paradiso può trasformarsi in inferno se devi sgomitare tra orde di turisti agguerriti, barche e traghetti. A Zante ci sono diversi posti sopravvalutati, o meglio che negli anni, a causa del ” turismo selvaggio”, hanno perso la loro magia.

Uno di questi è sicuramente la Spiaggia di Navagio, presa d’assalto ogni giorno, a qualsiasi ora, da migliaia di barche e turisti a caccia dello scatto migliore. Non hai nemmeno il piacere di rilassarti sulla spiaggia, è un continuo via vai di barche, di fischietti e megafoni richiama turisti a bordo e la costante puzza di nafta che non ti abbandona mai.

Ecco come uno scorcio naturale così bello può diventare un inferno!

Per questo motivo, scappa dalla folla, dirigiti al Navagio Viewpoint e costeggia il sentiero a destra, attenzione a dove metti i piedi, la parete è esposta e pericolosa… devo ammetterlo, alcuni tratti mi hanno fatto venire le vertigini!

Un’altro posto che non merita a causa dell’eccessiva affluenza turisti è Marathonisi, comunemente chiamata Turtle Island, un’isola privata nel Parco Marino di Zante, a pochissimi chilometri da Keri Beach. Fino alla seconda guerra mondiale era un’isola abitata, oggi invece è una trappola “acchiappaturisti”.

La spiaggia è quasi invisibile, l’acqua è bellissima ma ti toccherà destreggiarti tra barche in sosta e traghetti in movimento. Un vero peccato!

Evitare la folla a Zante

Navagio Beach alle 10 del mattino, scatto da Navagio Viewpoint | © Marialaura De Rosa

Le spiagge sono libere o a pagamento?

In Grecia, a differenza dell’Italia, le spiagge sono un bene di tutti. L’accesso e l’utilizzo è libero, e tutte dispongono di una parte libera e una attrezzata. Addirittura ci sono taverne al mare, che ti consentono l’uso gratuito dei lettini senza obbligo di consumazione.

Va comunque detto che le spiagge attrezzate con ombrelloni e lettini hanno prezzi onesti ( onestissimi a mio parere! ) rispetto agli standard italiani, dagli 8 ai 10per due lettini con ombrellone.

” Fun Facts”… Assurdo ma vero!

È importante partire consapevoli:

– Non dirmi che sei intollerante al lattosio? La feta è onnipresente, negli antipasti, nelle insalate, fritta, alla griglia, con la frutta! Sì, hai letto bene… CON LA FRUTTA!
– Il mare è stupendo, dire che l’acqua è cristallina è riduttivo, ma in alcune calette è maledettamente gelida! Rassegnati, anche ad Agosto lo sarà, ci sono correnti fredde e grotte profondissime non completamente esplorate.
– Servire i piatti tutti insieme è tradizione! I greci non dividono le portate, gli antipasti, i primi, i secondi… ti serviranno tutto contemporaneamente. È così e dovrai fartene una ragione!
– “Paese che vai, usanza che trovi”, la carta nel WC è severamente vietata, va buttata in appositi cestini accanto alla toilette.

Cosa infilare in valigia!

Non rimane che pensare a cosa mettere in valigia, concentriamoci sul famoso “stretto necessario”!

– Abiti e abitini ( …con moderazione! )
– Sandali
– Scarpe da scoglio ( sono bruttine, ma fidati ti torneranno utili! )
– Repellente contro le zanzare
– Snorkeling kit
– Crema solare e lozioni dopo sole
– Borsa pieghevole per le tue escursioni giornaliere
– Borraccia termica
– Qualche farmaco per il mal di mare ( non si può mai sapere! )
– Macchina fotografica, magari anche quella subacquea. ( altrimenti non si parte! )
– Costume e telo mare
– Una giacca impermeabile e anti vento ( di quelle che si piegano fino a diventare invisibili! )

Ecco tutto l’essenziale, non ti resta che chiudere la valigia e partire! Buon viaggio!