Un viaggio in Marocco, è un viaggio che regala emozioni, scenari pazzeschi, un’esplosione di profumi e sapori, una di quelle mete che o la ami o la odi! Ma andiamo per gradi, in questo post vi farò conoscere tutti i luoghi che hanno lasciato un segno nel mio cuore, vi spiegherò come raggiungerli, e come comportarsi per vivere questo paese con più tranquillità.

ESSAOUIRA

L’ho amata dal primo istante, se dovessi definirla con tre aggettivi direi colorata, elegante e genuina. Oltre all’antica Medina, ideale per sorseggiare un delizioso tè alla menta, c’è una cosa che ho adorato particolarmente: il porto di Essaouira. Sì, sarei rimasta ore ad ammirare quella situazione incasinata ma… ora vi spiego tutto!

La mattina verso le 7.30, varcate la porta de Sqala du Port, qui respirerete il vero Marocco, ammirerete uno stralcio di vita quotidiana, il rientro di vecchi pescherecci blu e lo sbarco di quintali di sardine. Sceglietevi un angolino e ammirate lo spettacolo, pescatori soddisfatti dopo una notte di pesca in pieno oceano, centinaia di gabbiani che svolazzano aspettando l’attimo giusto per rubare qualche sardina al “custode”, marinai che issano le reti, scaricatori di sale e di ghiaccio, il via vai di venditori e compratori di pesce.

Viaggio in Marocco i luoghi da non perdere

Lo sbarco delle sardine al mattino

Custode delle casse di sardine al porto di Essaouira in Marocco

Custode delle casse di sardine

Porto di Essaouira, con gabbiani e reti da pesca

Il porto di Essaouira

Alle spalle del porto, il mercato del pesce, pescherie e piccoli ristorantini grigliano al momento il pescato del giorno e lo servono accompagnato da tipiche insalate marocchine. ( 10€ a persona )

Il mercato del pesce nel porto di Essaouira

Il mercato del pesce

Come raggiungere Essaouira?
È facilmente raggiungibile da Marrakech ( 192km ):
– Ci sono due autobus al giorno ( 08.45 / 12.30) per Essaouira e partono dalla stazione di Marrakech. Il biglietto costa 80 Dirham a persona. Su questo sito, potete controllare gli orari e acquistare i biglietti.
– Noleggiare un’auto, la scelta migliore se si vuole conoscere meglio il paese e spostarsi in libertà. Non serve la patente internazionale, basta la patente italiana in corso di validità.
– Comprare un tour organizzato

Come comportarsi ?
Questa piccola parentesi vale per qualsiasi città in Marocco perché ricordate che siamo ospiti nel loro paese, per questo motivo bisogna entrare in punta di piedi. Le persone non amano essere fotografate, quindi chiedete prima di scattare una foto oppure munitevi di teleobiettivo, d’altronde ” paese che vai usanza che trovi”. Molte persone pensano che la fotografia rubi la loro anima, per cui bisogna essere veramente rispettosi.

EL JADIDA

Un’altra perla marocchina, la città fortificata di El Jadida. La sua piccola Medina dall’impronta portoghese è una delle più particolari del Marocco. È facilmente percorribile a piedi, anche senza guida, perché  è talmente piccola che è difficile perdersi.

El Jadida città fortificata in Marocco

El Jadida

L’episodio buffo è accaduto al forno pubblico ( che si trova alla fine della strada Rue Hachmi Bahbah ). Come ci sono finita qui? Grazie al mio olfatto! Un delizioso profumo di pane appena sfornato mi ha portato fin qui. C’era un signore oltre al fornaio, intento a spiegarmi la storia di quell’antico forno ma… io volevo una cosa, il pane! Lui si stupisce e mi dice ” No, not possible”.

Dopo la risposta secca mi sorride e mi spiega perché. Ogni mattina le famiglie del paesino portano al forno le teglie di pane da infornare. Il fornaio, in cambio di una piccola mancia,  inforna il pane e controlla la cottura.Una volta sfornato viene avvolto in un telo ( di proprietà della famiglia ) e viene riposto su uno scaffale di legno, in attesa che qualcuno venga a ritirarlo.

Quindi… nonostante la voglia di pane, merita una visita!

Il forno pubblico di El Jadida in Marocco

Il forno pubblico di El Jadida

Il pane appena sfornato a El Jadida in Marocco

Il pane appena sfornato

Come raggiungere El Jadida?
È facilmente raggiungibile da Casablanca ( 100km ):
– Dalla stazione di Casablanca ( Casa-Voyageurs ) partono treni diretti a El Jadida. Qui troverete gli orari e le tariffe disponibili.
– Noleggiare un’auto.

LA CONCERIA CHOUARA A FÈS

A Fès, la più antica delle città imperiali, esattamente nella Medina, si trovano le antiche concerie dove da secoli si pratica la concia delle pelli. Munitevi di tappa naso, perché ” l’odore” è così forte che si percepisce a km di distanza, soprattutto in estate quando fa caldo.

La più famosa è la Conceria Chouara, perché il processo di lavorazione della pelle è rimasto invariato nei secoli. Io non so come facciano a lavorarci, perché io una puzza di carne putrida così intensa non l’ho mai sentita. Ci sono uomini a bordo vasca e altri immersi fino alla vita intenti a pulire e tingere il pellame.

Cosa c’è all’interno delle vasche?
Le vasche chiare contengono un mix di sale, acqua, calce e urine varie ed è un processo che serve a pulire la pelle da peli e residui di grasso. Successivamente vengono lasciate in ammollo in un’altra miscela di acqua ed escrementi di piccione, per rendere la pelle morbida e favorire l’assorbimento del colore durante il processo di tintura. Infine vengono immerse nelle vasche più scure che contengono coloranti naturali.

Chouara Tannery a Fes

Conceria Chouara

Processo di pulitura e tintura del pellame nella conceria di Des

Processo di pulitura e tintura del pellame

Dopo il processo di tintura, vengono appese ai terrazzini degli edifici circostanti.

Essiccazione della pelle nella conceria di Fes

Essiccazione della pelle

Come raggiungere Fès?
È facilmente raggiungibile sia da Marrakech che da Fès:
– Da Marrakech e da Casablanca, ogni giorno partono più di 8 treni per Fès. Qui potete consultare le tariffe e gli orari.                                     – Noleggiare un’auto.

Avventurarsi da soli nella Medina?
Le concerie si trovano all’interno della Medina, un vero e proprio labirinto di vicoletti all’interno della città. La probabilità di perdersi è altissima, per questo motivo vi consiglio di non farlo da soli, ma di lasciarvi accompagnare da una guida locale autorizzata. Attraverso questa pagina potrete richiedere una guida ufficiale.

MEKNÈS

Meknes la città imperiale verdeggiante, sì perché trovandosi alle pendici dei monti del Medio Atlante è circondata da colline sulle quali vengono coltivate olive e frutta.

Forse mi è piaciuta molto, perché è molto meno turistica rispetto a Marrakech, Casablanca, Fès e Rabat, quindi ve la consiglio se siete alla ricerca di posti tranquilli e autentici.

Piazza El Jedim a Meknes

Piazza El Jedim

Dopo aver fatto un giro a Place el-Hedim, il cuore pulsante della medina di Meknes, attendete il tramonto assaggiando un pò di dolci tipici marocchini, un tripudio di profumi e sapori. Proprio di fronte al Bab Mansour, lungo Rue Dar Smen troverete delle botteghe di pasticcini locali. Fatevi un sacchetto, scegliete un punto panoramico e aspettate il tramonto!

Consigliatissimi:
– Chebakia, biscotti al miele e sesamo ( TOP! )
– Briwat, involtini ripieni di mandorle e arachidi ( aromatizzati con acqua di rose )
– Kaab el Ghzal, pasticcino ripieno di pasta di mandorle e ricoperto da zucchero

Cicogne in volo al tramonto a Meknes

Cicogne in volo al tramonto

Tramonto sulla Moschea di Meknes

Tramonto sulla Moschea di Meknes

Come raggiungere Meknes?
– In autobus dalle città principali. Su questo sito, potete controllare gli orari e acquistare i biglietti.
65km da Fes  ( 25 – 30 Dirham )
150km da Rabat ( 40 – 50 Dirham )
240km da Casablanca ( 85 Dirham )
480km da Marrakech ( 160 Dirham )
– Noleggiare un’auto

GORGES DU DADES

Quando la natura da spettacolo, le Gole du Dades, una tappa obbligatoria verso il deserto del Sahara. Un paesaggio spettacolare all’ombra dell’atlante centrale. L’ambiente è piuttosto selvaggio, si guida in mezzo a curiose formazioni rocciose e pareti altissime.

Percorrete la Route 704 fino all’ Hotel Timzzillite, una strada incredibile che si arrampica in un susseguirsi di curve ripide e strette, una volta raggiunto l’apice della vallata il panorama sarà incredibile.

Vista dall’Hotel Timzzillite

Una volta arrivati in cima alla strada, troverete un baretto, spartano ma unico, dove poter sorseggiare un succo di melograno ammirando le gole.

La vista sulle gole di Dades in Marocco

In attesa del mio succo… mi godo il silenzio della natura

Gole di Dades in Marocco

Il baretto a strapiombo sulle Gole

Come raggiungere Boumalne Dades?
Purtroppo questa zona non è servita da mezzi di trasporto, le uniche opzioni sono:
Comprare un’escursione nel deserto, che includa questa zona. Dove acquistarla? In qualsiasi agenzia locale a Marrakech, Casablanca o Fès.
– Noleggiare un’auto.

DESERTO DEL SAHARA

Non è Marocco, senza aver fatto una sosta nel deserto del Sahara, senza aver incrociato almeno una volta lo sguardo di un buffissimo dromedario e… una volta arrivati fin qui è doveroso dormire in un campo tendato in stile berbero. Perché farlo? Le emozioni non sempre possono essere trascritte, ma quel silenzio, l’immensità di quel cielo stellato vi toccheranno l’anima.

Sei hai voglia di saperne di più, puoi leggere quest’articolo.

Ci sono due porte di accesso al deserto del Sahara marocchino: Zagora e Merzouga. Il primo punto ha il vantaggio di essere più vicino a Marrakech ( 400km ), è un tratto di deserto più arido e con un numero inferiore di dune. Merzouga invece, quasi al confine con l’Algeria, è esattamente quello che si immagina quando si pensa al deserto, infatti qui le dune di Erg Chebbi arrivano fino a 150 metri di altezza.

Come raggiungere il deserto?
– Il fai da te è fattibile, ma bisogna avere un’auto 4×4.
– In alternativa, prenotare quest’escursione ( deserto + notte in un campo tendato ) a Marrakech o Ouarzazate.

Ora sei pronto per la partenza, buon viaggio!!!